Turismo  - Articoli  2013     Indice

Oltre 15,8 milioni di arrivi e più di 62,3 milioni di presenze.
Gli stranieri sfiorano il 65%. Crollato il turismo interno

Il Veneto si conferma la prima regione turistica d'Italia

  14.02 - Il Veneto si conferma prima Regione turistica d’Italia anche per il 2012, con 62.351.657 presenze, delle quali il 64,8 per cento di ospiti stranieri, e 15.818.525 arrivi, dei quali il 64,7 per cento stranieri. In altri termini significa che ogni sei pernottamenti in Italia, uno (e qualcosa di più) è registrato in Veneto.

Il Veneto conserva il suo appeal mondiale come regione ospitale e terra del bello, del buono e dell’accoglienza anche se, in questo quadro sostanzialmente positivo per un’annata critica come quella trascorsa, non mancano le ombre. I numeri confermano la pesante crisi economica che morde sempre più gli italiani, che si riflette sulla capacità di spesa delle famiglie. Infatti il dato positivo degli arrivi e quello non negativo delle presenze (che calano di pochissimo, nel 2011 era 63,4 milioni) è ottenuto grazie al turismo straniero, mentre quello nazionale è crollato, soprattutto nella seconda metà dell’anno, con una diminuzione complessiva dell’8,7 per cento sulle presenze e del 2,9 per cento in termini di arrivi. Il che significa che intere famiglie italiane hanno rinunciato alle vacanze e che in ogni caso la durata delle vacanze è molto più ridotta che in passato.

I numeri di arrivi e presenze non hanno lo stesso valore degli anni passati, perché per mantenere la clientela, soprattutto quella più affezionata come quella tedesca, che rappresenta da sola il 22,4 per cento di tutti i pernottamenti e che è aumentata peraltro dell’1,9 per cento in arrivi e del 2,6 per cento in pernottamenti, i prezzi sono stati contingentati, con riflessi sul reddito delle imprese. Queste hanno tenuto, ma ci saranno maggiori difficoltà ad investire sulla promozione e sulla qualità dell’offerta di un comparto che è, e rimane, economicamente il più interessante, soprattutto per il Veneto, e che soprattutto non è delocalizzabile.

Secondo un’indagine del Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica (CISET) di Ca’ Foscari relativa al 2011, il turismo ha generato in Veneto un fatturato di 11 miliardi di euro e rappresenta l’8,2 per cento del PIL regionale, il 13 per cento dei consumi interni e mezzo milione di unità di lavoro. Si tratta di un fatturato che vale tre volte e mezzo quello dell’agricoltura, tre volte e mezzo quello dell’alimentare, tre volte il fatturato del tessile e abbigliamento, il 54 per cento dell’intero fatturato regionale del commercio. In termini di occupazione, il turismo dà lavoro in Veneto al 15 per cento sul totale degli occupati e copre il 10,5 per cento di tutti gli addetti al turismo d’Italia. Va anche sottolineata la trasversalità del turismo rispetto all’economia veneta, dove il PIL turistico è dato da una molteplicità di settori, non dai soli alberghi e ristoranti. Questi ultimi, anzi, rappresentano “solo” il 30 per cento del PIL turistico, dove il commercio incide per il 17,1 per cento, la locazione di fabbricati il 15,3 per cento, l’agroalimentare il 9,5 per cento, l’artigianato il 7,7 per cento, le attività culturali e ricreative il 6,7 per cento, i trasporti il 6,5 per cento.
Info www.veneto.to



Redazione online gazzettadiverona.it
 Indice  Articoli 
   
   
Indice  Articoli Home  
   
 

Ti interessa creare
un'associazione culturale
a Isola Rizza (Vr)?
Chiama il 345 9295137

------------------------------------


Ti piace fotografare?
invia le tue immagini
a Gazzettadiverona.it



Info commerciale

elettrotecnica Vaccari
Impiantistica elettrica Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni illuminotecniche Soluzioni, prodotti
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati e cablaggi strutturati
 +39/336/810434 - 348/2247152 fax +39/045/7103381  eltvac@email.it