Appuntamenti   2016             Indice  2014   2013   2012    2011
 
Cinque concerti dall’1 al 28 luglio. Sul palco l'OPV, l' Orchestra di Padova e del Veneto,
diretta da Marco Angius che proporrà alcune Sinfonie di Ludwig van Beethoven

Valpolicella, “Musica in Villa”

 Nelle foto, da sinistra, Villa Selle (Fumane, Vr) e l'Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Marco Angius
29.06 - DOPO 20 edizioni e 150 concerti la rassegna promossa dall’Associazione Magnifica Comunità della Valpolicella e da Gabrielli Editori con il sostegno logistico della Pro Loco di San Pietro in Cariano (Vr), si rilancia in prospettiva nazionale grazie all’impegno diretto dell’Orchestra di Padova e del Veneto che proporrà le Sinfonie nn. 1-8 di Ludwig van Beethoven. I cinque concerti,(1, 8, 21, 28 luglio), toccheranno alcuni dei luoghi più suggestivi della Valpolicella, dalla Villa Selle di Fumane a Villa Mosconi Bertani di Novare/Arbizzano di Negrar, con un ‘fuori programma’ che vedrà ospite l’orchestra giovanile Bromley Youth Concert Band.

“Musica in Villa” dunque riparte venerdì 1 luglio alle 21, dalle Sinfonie di Ludwig van Beethoven e da una nuova, prestigiosa sinergia: quella con OPV/Orchestra di Padova e del Veneto, compagine nazionale che dopo i molti concerti in qualità di ospite sarà da quest’anno impegnata attivamente nella realizzazione del festival.

L’entusiasmo di OPV è affidato alle parole del maestro Marco Angius, che dal settembre 2015 ne ricopre il ruolo di Direttore Musicale e Artistico. «Dopo molti anni di esperienze musicali e umane condivise con il pubblico della Valpolicella, OPV ha abbracciato senza riserve la proposta di Emilio Gabrielli. Da parte nostra metteremo in gioco un patrimonio di mezzo secolo di attività (OPV fu fondata esattamente 50 anni fa, nel 1966), di conoscenza e di relazioni anche internazionali, per trasformare la preziosa eredità di “Musica in Villa” in un percorso musicale culturale che, complice la straordinarietà del territorio e delle ville che lo punteggiano, faccia parlare di sé ben oltre i confini del Veneto.»

Ad aprire il concerto la Sinfonia n. 1 in do maggiore op. 21. Eseguita per la prima volta a Vienna nell’aprile 1800, l’opera è un bell’esempio di classicismo viennese che trasforma nel volgere di pochi lustri la sinfonia da genere di intrattenimento, destinato a un pubblico di ascoltatori specializzati, a veicolo delle più profonde riflessioni dell'autore, rivolto verso un'utenza idealmente universale.

La seconda parte del programma inizierà con le quattro note più famose della storia della musica: quelle con cui inizia la Quinta di Beethoven, eseguita per la prima volta a Vienna nel 1808. Al di là delle fantasiose ipotesi interpretative -che spaziano dal bussare del destino al canto dello zigolo giallo -, questo inciso è al centro di una delle più grandi innovazioni del linguaggio musicale operate da Beethoven. È un singolo gesto che si fa tema, si rincorre per tutta la sinfonia, ogni volta con un colore emotivo leggermente diverso, in una convivenza tutta beethoveniana tra processi compositivi di carattere combinatorio ed espressione immediata dei moti dell'animo. E la Quinta è tutta così, un accavallarsi travolgente di temi incisivi che si imprimono subito nella memoria e sviluppandosi trascinano l'ascoltatore in una grande battaglia fra do maggiore e do minore, in cui alla fine a vincere sarà – trionfalmente – il “bene”.

Le Sinfonie di Ludwig van Beethoven non sono separabili dall’immaginario che le circonda, dalla loro fama, e dalla loro storia, che è strettamente intrecciata alla storia dell’Europa. Queste opere però non valgono solo per il loro potere simbolico: in sé, anche nelle loro parti meno conosciute, sono delle costruzioni musicali straordinarie, e la loro forza espressiva copre tutto l’arco delle passioni umane.

«Con Beethoven la musica non parla più di se stessa ma abbraccia il creato. Tutta la sua musica appare profondamente sperimentale, perchè lui è tra i pochi che possono fare ciò che vogliono con i suoni», afferma Marco Angius, facendo proprio il pensiero di Herbert von Karajan secondo il quale le Sinfonie di Beethoven diventano ogni giorno più attuali, e più vengono studiate e dirette più ci si accorge di non star loro al passo. Per questo le Sinfonie, per gli esecutori, per i direttori e per il pubblico, continuano a rappresentare un tutto irrinunciabile, un vero e proprio monumento di cui fare esperienza ogni volta che sia possibile, per intero e dal vivo.

Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21.00. In caso di maltempo i concerti si terranno presso la Pieve di San Giorgio a S. Ambrogio di Valpolicella, eccetto quello del 14 luglio con luogo da definire.
Il programma può subire modifiche. Verificare sui siti: www.valpolicellaweb.it, www.opvorchestra.it, www.gabriellieditori.it. Al primo concerto seguirà un piccolo rinfresco offerto dal ristorante Pendola/Fumane.

Biglietti. Intero € 15, due o più persone € 12,50 cad.; Ridotto giovani € 8 (fino a 25 anni); Ridotto in convenzione € 10 (soci Pro Loco Valpolicella, abbonati 2015/2016 Amici della Musica di Verona); Ridotto “speciale famiglia” € 30 (per i nuclei familiari composti da due adulti con un massimo di tre ragazzi fino a 18 anni). Sono in vendita online sul sito www.opvorchestra.it (limitatamente ai biglietti interi) o al botteghino di ciascuna sede a partire da un’ora prima dell’inizio dei concerti. È possibile prenotare i posti allo IAT Valpolicella telefonando allo 045 7701920. I biglietti dovranno essere ritirati entro le ore 20.45 di ciascuna serata.
All’inizio di ogni concerto sono previsti brevi accenni storici dei luoghi che ci ospitano e una sintetica presentazione del programma musicale.
Abbonamenti. Euro 40 per i concerti dell’Orchestra di Padova e del Veneto (1, 8, 21, 28 luglio)
In vendita dal 15 giugno al 30 giugno allo IAT Valpolicella.
Info. IAT Valpolicella – Tel. 0457701920 e-mail info@valpolicellaweb.it; Gabrielli Editori, S. Pietro in Cariano – Tel. 045 7725543 e-mail scrivimi@gabriellieditori.it; Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto – Tel. 049 656848-656626 e-mail info@opvorchestra.it
Indice  Articoli 
 
Indice  Articoli  -  Home
 
 

Ti interessa creare
un'associazione culturale
a Isola Rizza (Vr)?
Chiama il 345 9295137

------------------------------------


Ti piace fotografare?
invia le tue immagini
a Gazzettadiverona.it



Info commerciale

elettrotecnica Vaccari
Impiantistica elettrica Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni illuminotecniche Soluzioni, prodotti
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati e cablaggi strutturati
 +39/336/810434 - 348/2247152 fax +39/045/7103381  eltvac@email.it