Gazzetta di Verona.it  
Home

Ambiente

Cronaca Appuntamenti

Cultura

Mercatino
   
Cronaca  - Articoli  2020   
   
 
San Pietro di Morubio e Isola Rizza verso il referendum
La fusione "dispersiva"

29.06.20 - Continua a tenere banco la disputa sulla fusione tra i comuni di Isola Rizza e San Pietro di Morubio e il relativo referendum con il quale - i cittadini di ambedue gli enti locali - dovranno approvare o bocciare - tra alcuni mesi - la nascita del nuovo ente che nel caso prevalessero i sostenitori, si chiamerà Borgo Veronese.

Conseguenza dell'eventuale Sì: Isola Rizza e San Pietro di Morubio sono destinati a diventare frazione di Borgo Veronese? Per Isola Rizza sicuramente. È fattuale (direbbe quello). Motivo? Una sequenza logica contenuta nella realtà dei due comuni. Basta leggerla.

Da una parte c'è SPM (nel 1884 fu eletto il I° Consiglio comunale) con la sua chiesa in piazza che identifica il nucleo del paese e con una frazione importante e vivace, Bonavicina (fino al 1874 Malavicina), anch'essa con la propria chiesa al centro del paese. Una frazione quest'ultima che ha sempre avuto, ha tuttora e avrà in futuro, una forte influenza sulle scelte amministrative del comune capoluogo.

Dall'altra, c'è Isola Rizza, con la chiesa fuori paese a sottolineare involontariamente la dispersività del nucleo abitativo; un ente locale, inoltre, privo di frazioni.

Dal gioco della fusione si sono già sfilati i comuni di Angiari e Roverchiara che a suo tempo facevano parte dell'Unione Comuni destra Adige. Il primo a farlo è stato Angiari nel gennaio 2017, Subito seguito da Roverchiara.

Adesso il cerino (cercato e voluto) è rimasto nelle mani di Isola Rizza e San Pietro di Morubio. Alla fine - a nostro avviso - rimarrà nelle mani di Isola Rizza. Un esempio per tutti. Dove si collocherà la sede del municipio di Borgo Veronese, il quale - piaccia o meno - cancellerà dalle mappe i due storici enti locali? E alla fine..., sarà un rotondo affare per i cittadini di San Pietro di Morubio? Dove sembra che tutti (alla cinese) - come un monolite - siano desiderosi di fondersi? Non c'è (almeno fino ad oggi) un comitato contrario, che dica pubblicamente di no! L'idea non ci piace...! Come invece sta accadendo a Isola Rizza dove è operativo da tempo il "Gruppo Isola Rizza Stop alla fusione" che ha già raccolto circa 700 firme tutte depositate in uno studio notarile. Si vedrà...

La fusione e la sua fantascientifica narrazione di soldi facili dal centro verso la periferia

Le norme che stanno alla base della fusione tra comuni sono contenute nel dlgs (decreto legislativo) del 12 agosto 2000, n. 267 dell'allora Governo Amato, formato da: Democratici di Sinistra, Popolari per Prodi, Unione Democratici per l'Europa, I Democratici, Comunisti Italiani, Federazione dei Verdi, Socialisti Democratici Italiani, Rinnovamento Italiano, Minoranze linguistiche, Patto Segni,FLDR, Altri.

Il dlgs del 12 agosto 2000 n. 267 doveva sopprimere e rilanciare anche l'ente provincia. Qualcuno se n'è accorto?
Il dlgs è complicato da leggere figuriamoci da interpretare. Assicura economie di scala - tra i piccoli comuni che intendono fondersi - attraverso la soppressione di alcuni organismi che faranno spazio ad altri. Ci sarà meno burocrazia - si giura - e quindi meno costi? Nella patria degli azzeccagarbugli i dubbi sono leciti. Anche qui, si vedrà in futuro.

Ci saranno più risorse per i comuni fusi? Per capirci più schei (o spiccioli) nelle casse comunali? E per dieci anni? Il percorso è lastricato di incertezze. Lo Stato oggi è sull'orlo del collasso economico e ci resterà per lunghi anni...

Dunque come uscirne? A nostro avviso, solo l'introduzione massiccia di nuove tecnologie figlie dello sviluppo applicativo dell'intelligenza artificiale (già oggi, non domani che sarà aperto alla rivoluzione quantistica la quale sarà totale ed inimmaginabile) porterà veri risparmi alle amministrazioni locali di qualsiasi dimensione. Il resto è accademia, perdita di tempo.
(upivat)


Vedi anche:
http://www.gazzettadiverona.it/C_sup2/Cronaca_20/0032_cronaca-Borgo-Veronese-la-fusione-fredda-che-cancella-Isola-Rizza-e-San-Pietro-di-Morubio.html
Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
 
 
   
Indice  Articoli  -  Home  
   
 

Ti interessa creare
un'associazione culturale
a Isola Rizza (Vr)?
Chiama il 345 9295137

------------------------------------


Ti piace fotografare?
invia le tue immagini
a Gazzettadiverona.it



Info commerciale

elettrotecnica Vaccari
Impiantistica elettrica Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni illuminotecniche Soluzioni, prodotti
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati e cablaggi strutturati
 +39/336/810434 - 348/2247152 fax +39/045/7103381  eltvac@email.it