Gazzetta di Verona.it  
Home

Ambiente

Cronaca Appuntamenti

Cultura

Mercatino
 
Politica  - Articoli  2022    
 
 
 
Ius scholae, perché no?


08.07.22 - Sull'argomento Ius scholae - che probabilmente nelle prossime settimane farà traballare ancora di più il governo Draghi - riceviamo e pubblichiamo molto volentieri la nota di Luigi Ascanio - Responsabile Scuola e Università del PRI.

Nel documento si legge: «Il Parlamento italiano si sta occupando, pur tra dure contestazioni e tentativi di rinvio, dello Ius Scholae, ovvero della concessione della cittadinanza italiana ai minori stranieri , nati in Italia o arrivati nel nostro Paese prima del compimento dei dodici anni, che vi risiedano legalmente e che abbiano frequentato almeno un ciclo scolastico di cinque anni (scuola dell’obbligo) o un corso di formazione professionale triennale o quadriennale. Si tratta di una proposta di legge che si aspettava da anni e che riconosce un diritto a migliaia di giovani stranieri, che si sono perfettamente integrati nel nostro sistema scolastico e nella nostra società, acquisendo conoscenze e competenze, titoli di studio e, soprattutto, il senso di appartenenza ad una comunità civile e democratica, grazie anche alle lungimiranti ed efficaci azioni di inclusività messe in atto, a tutti i livelli, dal nostro sistema scolastico ed educativo».

E subito dopo: «Lo Ius Scholae può essere, pertanto, un ottimo strumento di integrazione culturale, sociale, umana, in grado di prevenire il disagio dell’emarginazione e di controllare e contrastare i preoccupanti fenomeni di ribellione e di “radicalizzazione”, che si manifestano oggi , specie nelle periferie delle grandi città : vincolare la cittadinanza alla frequenza scolastica significa dare a questi giovani una “prospettiva di vita” (con diritti e doveri di cittadino) e, nel contempo, contribuire a rendere le loro famiglie più partecipi del percorso formativo dei propri figli»

Infine: «Perché no, quindi, lo Ius Scholae? Sarebbe una legge perfettamente in linea con il Piano di azione della Commissione Europea sull’integrazione dei cittadini di paesi terzi del 2017 e con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, ma soprattutto un elemento di civiltà e di Progresso del nostro Paese».
 Indice  Articoli

Redazione online gazzettadiverona.it
 
 
 
   Indice  Articoli  -  Home
 
 

Ti interessa creare
un'associazione culturale
a Isola Rizza (Vr)?
Chiama il 345 9295137

------------------------------------


Ti piace fotografare?
invia le tue immagini
a Gazzettadiverona.it



Info commerciale

elettrotecnica Vaccari
Impiantistica elettrica Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni illuminotecniche Soluzioni, prodotti
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati e cablaggi strutturati
 +39/336/810434 - 348/2247152 fax +39/045/7103381  eltvac@email.it