Heos.it  Documenti    Febbraio 2016 

 

 

 
 
Capsule innovative ed ecoefficienti contro i parassiti
delle patate


29.02 - Sviluppato un nuovo metodo ecocompatibile per combattere le larve di elateridi nelle coltivazioni di patate sia tradizionali sia biologiche. Il nuovo metodo di disinfestazione antiparassitaria - creato all'interno del progetto INBIOSOIL finanziato dall'UE - prevede l’utilizzo di capsule speciali chiamate ATRACAP, che contengono un ceppo di fungo entomopatogeno che attacca determinati parassiti e possono quindi ridurre l’utilizzo di pesticidi chimici nelle aziende agricole europee.

Le capsule intervengono contro gli elateridi – attualmente considerati il problema più urgente nella produzione di patate sia tradizionale sia biologica. Le capsule contengono composti non sintetici che possono essere usati sia nei sistemi di coltivazione biologica che in quelli tradizionali. La strategia ‘attrai e uccidi’ (Attract & Kill), basata su queste capsule, sostituirà l’impiego di insetticidi chimiche sintetiche.

In passato nelle coltivazioni tradizionali veniva usato il Fipronil, conosciuto in commercio come Goldor® Bait, un prodotto della BASF. La Commissione europea però ha introdotto una moratoria sui prodotti sospettati di avere un ruolo nella sindrome dello spopolamento degli alveari (SSA, in inglese CCD, ovvero “Colony Collapse Disorder”).

Le colture di patate tradizionali affrontano attualmente rilevanti problemi economici a causa della scarsa qualità delle patate danneggiate dalle larve di elateridi. Anche i coltivatori di patate biologiche registrano notevoli danni economici dovuti allo stesso parassita.

La sostanza attiva nelle capsule è un isolato di fungo entomopatogeno, che è naturalmente presente nei terreni coltivabili di tutto il mondo. La natura al 100 % biologica della strategia la rende completamente compatibile con gli obiettivi ambientali dell’UE. Inoltre, le spore del fungo sono applicate nel terreno, limitandone la dispersione passiva indesiderata. Questo riduce le interazioni con gli organismi alla superficie, come ad esempio le api. Inoltre, i lombrichi non sono attratti dalle capsule.

Vedi
http://cordis.europa.eu/
http://inbiosoil.uni-goettingen.de/index.php

Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home