Heos.it  Documenti    Febbraio 2016 

 

 

 
 
Il 7 aprile si inizia a perforare il cratere nel Golfo del Messico
Caccia ai misteri dell'asteroide che vaporizzò i dinosauri



01.04 - Stanno per iniziare le ricerche per fare luce sull'asteroide che circa 66 milioni di anni fa, schiantandosi nel Golfo del Messico, portò all'estenzione dei dinosauri. L'avvio delle perforazioni del cratere Chicxulub è per il 7 aprile. Gli scirenziati, per la prima volta, avranno la possibilità di lavorare in modo sistematico per icostruire la dinamica e gli effetti di quell'impatto catastrofico.

Attraverso queste nuove indagini gli scienziati sperano di poter stabilire se l'asteroide, del diametro di circa 14 chilometri, abbia bucato la superficie fino a 20-30 chilometri di profondità, facendo fondere le rocce e scagliandole in aria fino all'altezza di 10 chilometri. Un getto micidiale che sarebbe poi ricaduto al suolo formando l'anello di detriti che alterò per secoli il clima della Terra.

Il progetto è finanziato con 10 milioni di dollari dal Consorzio europeo per la perforazione oceanica coordinato dallo Chicxulub Scientific Drilling Project (Csdp), il consorzio internazionale di cui fanno parte Università Autonoma di Città del Messico, Imperial College di Londra e Università del Texas. La tabella di marcia prevede che si debba lavorare giorno e notte, per 2 mesi, in modo da perforare il fondale fino alla profondità di 1.500 metri.

Per la prima volta, dunque, si tenterà di esplorare l'anello di detriti che si trova sul fondo del cratere, una struttura simile a quella dei crateri prodotti dall'impatto degli asteroidi sulla Luna e su Marte.
Per la perforazione si utilizzerà una speciale imbarcazione ancorata a tre giganteschi pilastri sistemati sul fondo dell'oceano. Dalle rocce che si preleveranno con la perforazione, gli scienziati sono fiduciosi di poter rispondere a molte domande ancora aperte su quel lontanissimo cataclisma.

Vedi http://www.ecord.org/

Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home