Heos.it  Documenti    Febbraio 2016 

 

 

 
 
Quattro laser sul Paranal creano stelle guida artificiali



 Nella foto, i quattro fasci laser da 22 Watt per creare stelle guida artificiali


28.04 - L'Osservatorio dell'ESO al Paranal in Cile ha ospitato nei giorni scorsi un evento per celebrare la prima luce dei quattro potenti laser (nella foto) che costituiscono un pezzo cruciale del sistema di ottica adattiva del VLT (Very Large Telescope) dell'ESO. Ai partecipanti è stata mostrata la spettacolare esibizione della tecnologia laser d'avanguardia sullo sfondo dei cieli maestosi del Paranal. Queste sono le più potenti stelle guida laser mai usate in astronomia e l'evento segna il primo uso di stelle artificiali laser multiple all'ESO.

Lo strumento di guida a quattro stelle artificiali (4LGSF o Four Laser Guide Star Facility) lancia nel cielo quattro fasci laser da 22 Watt per creare stelle guida artificiali facendo risplendere atomi di sodio nella zona superiore dell'atmosfera così che appaiano come stelle vere. Le stelle artificiali permettono ai sistemi di ottica adattiva di compensare la distorsione causata dall'atmosfera terrestre così che il telescopio possa produrre immagini nitide. Usando più di un laser si può produrre una mappa delle turbolenze atmosferiche più dettagliata e migliorare la qualità dell'immagine su un campo di vista più grande.

Lo strumento di guida laser a quattro stelle artificiali è un esempio di come l'ESO stimoli l'industria europea a sviluppare complessi progetti di ricerca e sviluppo. Il laser a fibre usato da 4LGSF rappresenta anche uno dei trasferimenti tecnologici di maggior successo della tecnologia ESO all'industria.

I laser 4LGSF sono stati sviluppati dall'ESO in collaborazione con l'industria e sono già stati richiesti, tra l'altro, dall'Osservatorio Keck (che ha contribuito ai costi dello sviluppo dei laser industriali insieme alla Commissione europea) e dal telescopio Subaru. In futuro, questi laser industriali saranno installati anche all'Osservatorio Gemini e saranno la scelta preferita per molti altri osservatori e progetti di telescopi estremamente grandi.

Le nuove tecniche sviluppate per il sistema di guida 4LGSF spianano la strada ai sistemi di ottica adattiva del telescopio E-ELT (European Extremely Large Telescope), l'occhio più grande del mondo rivolto al cielo. (red)

Vedi www.eso.org


Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home