Heos.it  Documenti    Febbraio 2016 

 

 

 
Scoperti inaspettati aloni giganti intorno a quasar remoti

A sinistra, gli aloni brillanti
attorno a quasar remoti
(foto eso.org)
27.10 - Una collaborazione internazionale tra astronomi, con a capo un gruppo operativo all'Isitutito ETH (Istituto federale svizzero di tecnologia) di Zurigo, in Svizzera, ha sfruttato l'impareggiabile potere osservativo di MUSE, strumento installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO all'Osservatorio del Paranal, per studiare il gas intorno a galassie attive remote, a meno di due miliardi di anni dopo il Big Bang.

Queste galassie attive, chiamate quasar, contengono nel nucleo buchi neri supermassicci, che consumano stelle, gas e e altro materiale a tassi molto elevati. A sua volta ciò provoca l'emissione di enormi quantità di radiazione dal centro della galassia, rendendo i quasar gli oggetti più attivi e più luminosi dell'Universo.

Lo studio riguardava 19 quasar, scelti tra i più brillanti osservabili con MUSE, lo spettrografo a campo integrale che combina la possibilità di ottenere spettri e immagini: può osservare grandi oggetti astronomici nella loro interezza, e per ogni pixel misura l'intensità della luce in funzione del suo colore (o lunghezza d'onda), cioè il suo spettro. Gli studi precedenti avevano mostrato che circa il 10 % di tutti i quasar esaminati erano circondati da aloni di gas, il cosiddetto mezzo intergalattico. Gli aloni si estendono fino a 300 000 anni luce dal centro dei quasar. Il nuovo studio, invece, riservava una sorpresa, con la rilevazione di ampi aloni intorno a tutti i 19 quasar osservati - molti di più dei due attesi su basi statistiche. L'equipe sospetta che questa sia la conseguenza dell'enorme aumento del potere osservativo di MUSE rispetto ai precedenti strumenti analoghi, ma servono nuove osservazioni per determinare se questa sia veramente la giusta interpretazione.

"È ancora troppo presto per dire se il risultato dipende dalla nuova tecnica di osservazione o se questi quasar hanno qualche caratteristica peculiare. C'è ancora molto da imparare: siamo solo all'inizio di una nuova era di scoperte", commenta all'Eso l'autrice principale dell'articolo, Elena Borisova, dell'ETH di Zurigo.

Lo scopo originario dello studio era di analizzare la componente gassosa dell'Universo sulle scale più grandi, una struttura a volte chiamata rete cosmica, di cui i quasar formano i nodi luminosi. La rete cosmica è la struttura dell'Universo sulle scale più grandi: formata da filamenti allungati di materiale primordiale (soprattutto idrogeno e elio gassosi) e di materia oscura che collegano le galassie e colmano i vuoti tra di esse. Il materiale di questa rete può scorrere lungo i filamenti e alimentare le galassie in modo da consentire la loro crescita ed evoluzione. Le componenti gassose di questa rete sono di solito molto difficili da rivelare, così gli aloni di gas brillanti che circondano i quasar forniscono un'opportunità quasi unica di studiare il gas all'interno della struttura cosmica di vastissima scala.

Ma le sorpese non sono finite: il gas intergalattico che forma i 19 aloni è relativamente freddo - circa 10.000 gradi centigradi. E questo è in forte disaccordo con i modelli attualmente accettati della struttura e della formazione delle galassie, che suggeriscono che il gas vicino alle galassie abbia temperature di più di un milione di gradi.

La scoperta mostra le potenzialità dello strumento per osservare questo tipo di sorgenti cosmiche. Il coautore Sebastiano Cantalupo - riporta l'Eso - mostra il suo entusiasmo per il nuovo strumento e le opportunità che offre: "Abbiamo sfruttato le capacità uniche di MUSE per realizzare questo studio che apre la via a future indagini. Combinato con una nuova generazione di modelli teorici e numerici, questo approccio terrà aperta una nuova finestra sulla formazione della struttura cosmica e sull'evoluzione delle galassie". (red)

vedi www.eso.org
 

Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home