Heos.it  Documenti    Febbraio 2016 

 

 

 
 
Racchiuse nell'ambra: identificate piume di dinosauro grazie a un casuale ritrovamento

/cordis_piume_dinosauro_in_ambraA sinistra, nella foto, le piume di dinosauro intrappolate nell'ambra (foto cell.com)




16.12 - Un frammento di dinosauro intrappolato nell’ambra per oltre 99 milioni di anni e completo di piume fossilizzate è stato trovato e, per la prima volta, collegato a un dinosauro non aviario.

La gemma ritrovata contiene un campione di coda di circa 3,7 cm di lunghezza, con piume di color marroncino sopra e piume più chiare sotto. Il campione di ambra conteneva anche ossa fossilizzate e tracce di muscoli, legamenti e pelle mummificata.

I ricercatori dicono che è impossibile determinare la specie esatta del dinosauro alla quale apparteneva la coda. Affermano però che il dinosauro visse circa 99 milioni di anni fa durante il periodo Cretaceo e molto probabilmente era un giovane teropode non aviario. Si tratta di un gruppo di dinosauri che comprendeva alcuni molto conosciuti nella cultura popolare, come il velociraptor e il tirannosauro.

Il nuovo studio che descrive la scoperta sulla rivista “Current Biology” racconta anche l’incredibile e accidentale scoperta del campione. Quando è stato ritrovato in un mercato di ambra a Myitkyina, Myanmar, si pensava fosse una pianta (il che non sorprende considerando che le piume assomigliano a una felce) ed era in vendita per uso in gioielleria o come curiosità. L’autore principale dello studio, Lida Xing, ha però riconosciuto la sua importanza e lo ha salvato dal diventare una cianfrusaglia.

Il fossile suggerisce che i dinosauri piumati avevano una varietà molto più ampia di piume di quanto si potrebbe pensare semplicemente osservando gli uccelli moderni e il loro sviluppo. Leggere e flessibili, assomigliano più a piume ornamentali degli uccelli moderni che alle piume rigide e compatte per il volo. Quindi, se tutto l’animale era coperto di piume come quelle trovate sulla sua coda, è molto improbabile che potesse volare.

Certamente il campione non è il primo pezzo di ambra a contenere piume preistoriche. Gli autori dello studio avevano scoperto in precedenza punte di ali con resti scheletrici di un gruppo di uccelli primitivi estinti chiamati Enantiorniti e un’ampia varietà di piume racchiuse nell’ambra che non è stato possibile collegare ad animali particolari. (red)

vedi
http://cordis.europa.eu/
http://www.cell.com/current-biology/fulltext/S0960-9822(16)31193-9


Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home