Heos.it  Documenti    2018

 

 

 
  La superluna saluta il Cerro Armazones
 
 La foto è stata scattata dall’ambasciatore fotografo di ESO (European Southern Observatory) Gerhard Hüdepohl. Ha camminato per due chilometri dal vicino osservatorio Paranal di ESO nel deserto di Atacama per trovare la posizione ideale per fotografare. Prima aveva calcolato la traiettoria della Luna per conoscere il momento e il posto giusti per questa ripresa straordinaria

12.01.18 - Una spettacolare superluna ha salutato la prima serata del nuovo anno alzandosi dietro la maestosa montagna Cerro Armazones in Cile. Una superluna come questa è un evento magnifico, anche se relativamente frequente, che accade quando la luna piena coincide con il punto dell’orbita lunare più vicino alla Terra: il diametro appare allora 14 % più grande nel cielo. La strada che serpeggia su Cerro Armazones e che si intravede nella foto, appare condurre direttamente alla luna stessa come una vera e propria strada verso le stelle.

Nel 2024 il più grande occhio rivolto al cielo sarà pronto sulla cima di questa montagna, quando essa ospiterà l'Extremely Large Telescope (ELT). Ad un’altitudine di 3.046 metri, Cerro Armazones fornisce una ambiente spettacolare per le osservazioni astronomiche, in particolare perché gode di 320 notti chiare all’anno.

Extremely Large Telescope (ELT)

I "Telescopi Estremamente Grandi" (Extremely Large Telescope) sono considerati, in tutto il mondo, una delle più alte priorità dell'astronomia da terra. Aumenteranno grandemente le conoscenze dell'astrofisica, consentendo studi dettagliati di oggetti quali i pianeti intorno ad altre stelle, i primi corpi celesti dell'Universo, i buchi neri supermassicci e infine della natura e dellla distribuzione sia della materia oscura che dell'energia oscura che dominano l'Universo.

Dalla fine del 2005 l'ESO ha coinvolto la propria comunità di astronomi e astrofisici europei e con le industrie per sviluppare un telescopio gigante ottico/infrarosso.

Questo rivoluzionario progetto concettuale chiamato in sigla, ELT, avrà uno specchio primario di 39 metri e sarà il più grande telescopio ottico/vicino-infrarosso del mondo: "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".


Vedi
www.eso.org
https://www.eso.org/public/italy/teles-instr/elt/?lang
 

Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home