Heos.it  Documenti    2018

 

 

 
"BoxXLand", la vertical farm mobile del futuro prossimo

BoxXLand, il primo container-prototipo di vertical farm mobile in piazza (foto enea.it)


All'interno di BoxXLand: le colture idroponiche fuori suolo sono poste su più livelli
sopra bancali in acciao inox (foto enea.it)
16.01.18 - Operativo “BoxXLand”, il primo prototipo di vertical farm mobile del futuro prossimo. Allestita in un container, la struttura ipertecnologica permetterà di coltivare ortaggi in qualsiasi contesto urbano e a ogni clima. Facilmente trasportabile e impilabile, può produrre oltre 30mila piante l’anno. Al suo interno BoxXLand ha un sistema computerizzato che gestisce irrigazione, illuminazione a led e climatizzazione per massimizzare la produttività e minimizzare gli sprechi. Con una produzione posta lungo due linee e su 4 piani, la fattoria mobile dispone di oltre 60 metri quadri di area coltivabile.

BoxXLand -  in sintesi - è un sistema modulare per la coltivazione di prodotti orticoli in tutti gli ambienti e in ogni clima, con il vantaggio della maggiore resa in minore tempo e senza utilizzo di pesticidi chimici. All’interno di un tradizionale container è installato un impianto ad alta tecnologia per la produzione in verticale fuori suolo, a ciclo chiuso, in ambiente controllato e con luce artificiale a LED. La sua struttura, compatta e robusta, lo rende facilmente impilabile e movimentabile.

Nonostante il suo modesto ingombro, BoxXLand può produrre 2.000 piante (es. lattuga, erbe aromatiche) per ogni ciclo di 3 settimane, cioè circa 32.000 piante/anno in qualsiasi punto del pianeta. (red)
 
vedi
www.enea.it

Indice  Articoli
Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home