Heos.it  Documenti    2021

 

 

 
Verona. Gli interventi sono effettuati nella Clinica oculistica dell’Azienda ospedaliera universitaria Integrata. In Veneto la malattia colpisce circa 50 mila persone
Nuove tecniche chirurgiche meno invasive contro il glaucoma

02.02.21 - La neuroprotezione affiancata alla riduzione della pressione intraoculare e un'azione diretta sulle cellule neuronali che danno origine alle fibre del nervo ottico, sono in grado di contrastare con più efficacia la progressiva morte cellulare, consentendo al nervo ottico di resistere di più agli insulti che lo fanno ammalare. È la nuova frontiere per curare il glaucoma, il “ladro silenzioso della vista”. Una malattia che colpisce più di 1 milione di persone in Italia, di cui almeno 50.000 in Veneto, che interessa il 2-3% della popolazione con più di 40 anni di età, e che rappresenta la seconda causa di cecità nel mondo occidentale.

È una patologia caratterizzata la maggior parte delle volte da un aumento della pressione intraoculare che progressivamente danneggia il nervo ottico, riducendo il campo visivo dalla periferia verso il centro. Possibili disturbi del glaucoma sono ad esempio urtare inconsapevolmente oggetti o accorgersi in ritardo della presenza di un ostacolo quando si cammina o si guida.

Al riguardo, il direttore della Clinica oculistica dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, Giorgio Marchini (nella foto), spiega: «Il 50% dei pazienti affetti non sa di avere il glaucoma. Non raramente si arriva tardi alla diagnosi e il 10-15% è esposto al rischio concreto di perdere la vista. È una patologia gradualmente progressiva che quasi sempre coinvolge entrambi gli occhi determinando danni permanenti al nervo ottico. Nel tempo si può arrivare a ipovisione e cecità». Aggiunge: «A partire dai 40 anni tutti dovrebbero sottoporsi ogni 1-2 anni ad una visita oculistica, che includa la misurazione della pressione intraoculare e l’osservazione oftalmoscopica della papilla (la testa del nervo ottico visibile al fondo oculare), così da poter scoprire la malattia nelle fasi iniziali».

La Clinica oculistica dell’Azienda ospedaliera universitaria Integrata di Verona è un importante centro di riferimento nazionale per la cura del glaucoma grazie all’innovazione tecnologica e alla ricerca. La diagnosi del glaucoma si basa essenzialmente sul mettere in rilievo almeno due delle tre caratteristiche fondamentali di questa malattia: l’aumento della pressione degli occhi, la sofferenza delle fibre del nervo ottico e i difetti del campo visivo. Diagnosi precoce attraverso metodologie specialistiche molto sofisticate come l’OCT e trattamenti efficaci possono salvare la vista e preservare la qualità di vita nella maggior parte delle persone con glaucoma.

«Queste recenti innovazioni chirurgiche che permettono di ridurre la pressione intraoculare, hanno due vantaggi principali: diminuiscono le complicanze della chirurgia tradizionale e sono caratterizzate da un decorso post operatorio migliore per il paziente - conclude Marchini - Sono tuttavia meno “potenti” della chirurgia tradizionale nel ridurre la pressione intraoculare. Questa chirurgia mini invasiva ha come indicazione ideale un paziente che non riesce più ad avere una pressione oculare compensata con la terapia medica in collirio e ha un glaucoma non avanzato». (red)


Indice  Articoli

Redazione online gazzettadiverona.it
www.heos.it  by Umberto Pivatello Isola Rizza (Vr) Italy
 
 
 Home